Psicologia e infertilità in un trattamento di PMA.

PSICOLOGIA E INFERTILITÀ IN UN TRATTAMENTO DI PMA.

Psicologia e infertilità  sono direttamente collegate, è quanto viene pubblicato in uno studio dell’ ESHRE (European Society of Human Reproduction and Embryology), in cui viene spiegato qual’è il migliore atteggiamento psicosociale che lo staff di una clinica di fertilità deve adottare perché il paziente possa sentirsi a suo agio e affrontare al meglio il trattamento a cui dovrà sottoporsi.

Psicologia e infertilità, come vengono affrontate…

L’infertilità rende le coppie emotivamente fragili, entrami i partners sono involucrati nel processo e sottoposti a stress. Il primo approccio alla scoperta dell’infertilità è il rifiuto, rifiuto nell’accettare di essere una “coppia diversa”, una coppia che non riesce a procreare naturalmente, il solo pensiero di appartenere a questa percentuale di popolazione provoca tristezza e a volte addirittura angoscia tra le coppie. Il rifiuto dell’infertilità nasce quindi da ragioni personali, ma anche sociali, relazionali, economici. Una coppia  su 10 che soffre di infertilità, per queste e altre ragioni, decide di non intraprendere nessun trattamento, mentre il 23% circa decide di mollare a trattamento iniziato in quanto non è in grado di sopportare la carica emozionale che questo comporta.
Cosa succede alla coppia prima di scoprire di soffrire di infertilità?
Prima di scoprire di soffrire di infertilità, le coppie infertili, svolgono uno stile di vita normale che può essere paragonato a quello di qualsiasi altra coppia del resto della popolazione mondiale.
Fino al momento in cui non si entra in contatto con il problema, le coppie infertili non hanno maggiori difficoltà sessuali rispetto al resto della popolazione. Le donne non presentano percentuali maggiori di stress e gli uomini non soffrono di  disfunzioni sessuali rilevanti. L’idea di avere un bambino non implica malessere all’interno della coppia, ma un nuovo grande obiettivo.

Come viene vissuto dalla coppia il problema dell’infertilità?

L’approccio psicologico all’infertilità viene vissuto in maniera diversa all’interno della coppia. Le donne presentano un alto livello di depressione e stress dovuto all’infertilità, rispetto agli uomini. Il limite dell’età riproduttiva nella donna, fa sí che nella maggior parte dei casi il problema dell’infertilità di coppia sia causato dalla donna, per questo motivo il livello di stress presente nelle pazienti infertili è molto alto. Uno o vari trattamenti di Fecondazione in vitro con relative stimolazioni ormonali per lunghi periodi, risultati negativi, paura di riprovare, terrore al solo pensiero di avere un nuovo negativo, causano nella donna una sensazione di angoscia capace di modificare il suo stato psicologico per sempre: l’incapacità di procreare si traforma spesso in uno stato di depressione dal quale è difficile riuscire a venirne fuori. Anche se spesso siamo portati a pensare che psicologia e infertilità sono solo legati alla donna, molte volte, non siamo coscienti che in una coppia la sofferenza è condivisa. Ci sono molti casi in cui il problema dell’infertilità è di entrambi in quanto lo stile di vita influisce molto sulla produzione e qualità degli spermatozoi: vita sedentaria, alcool, fumo, sono tutte abitudini che influiscono nel 50% dei problemi di fertilità di coppia. Se è vero che in molti casi si ha scarsa riserva ovarica, è altrettanto vero che in tanti casi la capacità spermatica è al di sotto della media stabilita dall’OMS.

Cliniche di fertilità e appoggio psicosociale…

Fatte queste premesse, l’articolo della ESHRE indica qual’è l’approccio che il personale (medici, biologi, attenzione al paziente, recepcionist) dei centri di fertilità, deve adottare nei confronti delle coppie infertili che si accingono ad affrontare un trattamento di PMA.
Lo staff di una clinica di Fertilità, prima di prendere in carico una coppia, deve essere pienamente cosciente della relazione esistente tra psicologia e infertilità.
L’obiettivo principale è quello di aiutare i pazienti ad affrontare il loro problema dando loro l’appoggio più assoluto.
Per prima cosa stabilire un contatto diretto con i pazienti, dargli modo di ascoltare il tono della voce che li seguirà durante tutto il trattamento, o addirittura vedere (se non è possibile personalmente almeno attraverso una conferenza online) il medico che si prenderà cura di loro durante il percorso verso la gravidanza, è uno dei principali elementi che viene raccomandato dallo studio effettuato dall’ESHRE per stabilire un rapporto di fiducia tra il paziente e la clinica.
Come abbiamo detto psicologia e infertilità sono strettamente collegate tra di loro, entrambi i membri della coppia devono quindi ricevere appoggio psicologico da parte dello staff clinico:
  • entrambi devono essere messi a conoscenza del piano terapeutico che dovranno seguire
  • entrambi devono ricevere le stesse attenzioni (tempi di attesa minimi tanto per lasciare il campione di seme che per procedere al transfer degli embrioni)
  • visite mediche della durata necessaria affinché i pazienti risolvano i loro dubbi
  • piano terapeutico redatto per iscritto nei minimi dettagli in modo da non lasciare spazio a errori di interpretazioni
  • disporre di locali debitamente attrezzati e laboratori all’avanguardia in modo da offrire le massime percentuali di successo
  • competenza e disponibilità tenendo conto delle esigenze personali di ciascun paziente
  • riuscire a trasmettere sempre un atteggiamento positivo, ricordare sempre che psicologia e fertilità sono direttamente collegate e vanno affrontate insieme.
Perché una coppia possa affrontare un trattamento di fertilità con serenità e positività, è necessario che la clinica a cui si rivolge sia capace di saper comprendere il suo stato d’animo e consigliare il trattamento più adeguato al suo caso. Psicologia e infertilità camminano sempre di pari passo per poter raggiungere il desiderio di diventare genitori.
Se pensate che questo articolo possa essere di aiuto, vi invito a condividerlo e diffonderne il contenuto in modo che tutti coloro che soffrono di infertilità sappiano che con i giusti mezzi tutti gli ostacoli possono essere superati.
Angela7919

arlotta.angela@gmail.com

Nessun Commento
Lascia un commento:

Share This