Fecondazione eterologa, quando e come effettuarla?

FECONDAZIONE ETEROLOGA, QUANDO E COME EFFETTUARLA

In un precedente articolo ho parlato della Fecondazione in Vitro con i propri ovociti. Oggi voglio parlarvi della Fecondazione Eterologa e l’utilizzo degli ovociti di una donatrice.

Il trattamento di di Ovodonazione consiste nella ricezione di ovociti di una donna giovane, che dopo essere stati fecondati, vengono trasferiti nell’utero della paziente che non è in grado di avere una gravidanza con i propri ovuli.

Quando bisogna ricorrere alla fecondazione eterologa?

Sono vari i motivi per cui bisogna ricorrere alla ricezione ovocitaria:

  • bassa riserva ovarica
  • intervento di chirurgia ovarica
  • menopausa precoce
  • malattie geneticamente trasmissibili
  • aborti di ripetizione
  • vari tentativi consecutivi di FIVET non riusciti

Ricorrere alla fecondazione eterologa può aiutare la donna che, per uno di questi motivi non può avere un figlio con i propri ovociti, a realizzare il suo sogno di diventare madre.

La scelta della donatrice, la cui identità rimarrà sempre anonima, avviene rispettando i tratti somatici della paziente, colore degli occhi, dei capelli, della pelle, statura, oltre che naturalmente al gruppo sanguigno che dev’essere compatibile con quella della donna ricevente o del partner.

Quali sono le fasi di un trattamento di Ricezione ovocitaria alla ProcreaTec?

  1. Scelta della donatrice e programmazione dei due cicli mestruali tramite l’assunzione del contracettivo. Tanto la donatrice come la paziente devono assumere la pillola contracettiva per poter sincronizzare i due cicli mestruali, entrambe avranno la mestruazione nello stesso periodo (la paziente qualche giorno prima in modo che possa avere il tempo necessario per preparare l’endometrio).
  2. Una volta avuto il ciclo mestruale, la paziente comincerà a prendere gli estrogeni per la preparazione endometriale. Dopo una settimana farà un’ecografia per vedere se l’endometrio sta rispondendo bene alla somministrazione dei farmaci, e in caso di necessità, ne verrà aumentata la dose. La donatrice, al secondo giorno del ciclo mestruale, comincerà a iniettarsi gli ormoni per stimolare la crescita dei follicoli. Quando il numero e la quantità dei follicoli saranno adeguati, si procede con il pick up ovocitario e la microiniezione degli stessi con il seme del partner o del donatore.
  3. Il giorno successivo alla microiniezione degli ovuli, il laboratorio della ProcreaTec comunicherà alla paziente com’è andata la fecondazioneeterologa e controllerà gli embrioni giornalmente, per stabilire, a seconda della qualità e del numero, il giorno del transfer nell’utero della paziente.
  4. Il transfer può avvenire al terzo o al quinto giorno di sviluppo embrionale, allo stadio di blastocisti. È un procedimento molto semplice che consiste nel passare gli embrioni, attraverso un catetere molto sottile, direttamente nell’utero della paziente. Il transfer è sempre ecoguidato, in modo da scegliere il punto migliore dell’endometrio in cui depositare gli embrioni.
  5. Dopo circa 15 giorni dal transfer degli embrioni, la paziente effettuerà il test di gravidanza e, a seconda del risultato, verranno date indicazioni su come procedere.

Se l’articolo è stato di vostro gradimento e vi piacerebbe ricevere maggiori informazioni, non esitate a contattarmi.

Angela7919

arlotta.angela@gmail.com

Nessun Commento
Lascia un commento:

Share This