Donazione di ovuli con donatrice condivisa.

DONAZIONE DI OVULI CON DONATRICE CONDIVISA.

Spesso si sente parlare di  donazione di ovuli con donatrice condivisa, ma cosa significa condividere una donatrice di ovociti e quali sono i vantaggi e gli svantaggi in un trattamento di Ovodonazione con donatrice non esclusiva?

Donazione di ovuli con donatrice condivisa : cosa significa ?

 La donazione di ovuli con donatrice condivisa consiste nell’assegnare gli ovociti ottenuti da una donatrice a 2 o più pazienti. A seconda del numero di ovociti ottenuti, questi vengono divisi tra le pazienti che hanno deciso di fare un trattamento  con donatrice condivisa. Se, per esempio, una donatrice ottiene 10-12 ovociti, verranno assegnati a due pazienti. Le cliniche di fertilità, solitamente, non fanno stimolazioni molto forti per le ragazze che si sottopongono alla donazione di ovuli, per questo motivo, al massimo la donatrice viene condivisa solo tra 2 pazienti.

I vantaggi di condividere la donatrice…

La donazione di ovuli con donatrice condivisa, viene utilizzata dalle cliniche che non dispongono di molte donatrici di ovociti in fresco. Attraverso una stimolazione ormonale, si ottiene un numero adeguato di  ovociti per poterli assegnare a due pazienti allo stesso tempo.

Il vantaggio di condividere la donatrice è solo per la clinica che effettua il trattamento, in quanto con i costi di una stimolazione potrà fare il trattamento a più di una paziente. La clinica in realtà risparmia solo sul costo della stimolazione della donatrice (i farmaci utilizzati sono sempre gli stessi), non ha un doppio guadagno sul trattamento. I costi di gestione, i mezzi di coltura, i costi di laboratorio rimangono uguali per il centro di fertilità. Per questo motivo non può dimezzare i costi del trattamento.

Cosa implica per i pazienti che effettuano un trattamento con donatrice condivisa?

Il primo inconveniente che rappresenta questa tipologia di trattamento è il numero di ovociti ridotto per ciascuna paziente. Se in un trattamento di Ovodonazione ciascuna paziente ottiene dagli 8 ai 10 ovociti, con donatrice condivisa otterrà la metà. Bisogna tenere in conto che, anche se le donatrici sono ragazze molto giovani, è pressocché impossibile che tutti gli ovociti ottenuti siano di buona qualità e quindi atti per essere fecondati. In questo modo, anche il numero di embrioni sarà ridotto così come le possibilità di trasferire allo stadio di blastocisti. Anche se con la tecnica ICSI le percentuali di fecondazione sono molto alte, non si può garantire che tutti gli ovociti ottenuti vengano fecondati. L’unione di tutti questi fattori implica che le percentuali di successo per ciascuna paziente siano molto più basse.

Un altro inconveniente è la probabilità, molto alta, di non avere embrioni da congelare e quindi la possibilità di dare un fratellino con la stessa mappa genetica. Inoltre, in caso di risultato negativo, bisognerebbe ripetere tutto il trattamento fin dall’inizio implicando di dover sostenere nuovamente dei costi molto alti.

Il costo della donazione di ovociti con donatrice condivisa è vantaggioso?

No. Come abbiamo detto per il centro di fertilità la condivisione di ovociti implica di poter risparmiare solo sui costi della stimolazione. Per la paziente che si sottopone a questo trattamento il costo sarà comunque rilevante se si tiene in conto i vantaggi che ne trarrà. Il numero di ovociti ottenuti sarà esiguo e il costo si manterrà sempre intorno ai 5000 – 6000€. I costi di una ricezione di ovociti con trattamento in fresco e donatrice esclusiva si aggirano intorno agli 8000€, con possibilità di trasferire allo stadio di blastocisti e garanzie di un minimo di 2 blastocisti.

Cosa bisogna tenere in conto prima di effettuare il trattamento?

Nel momento in cui si effettua un trattamento di ricezione di ovociti con donatrice condivisa o esclusiva bisogna quindi tenere in conto due fattori importanti:

  • Le possibilità di successo. La gravidanza è l’obiettivo principale del paziente, per questo motivo bisogna scegliere il trattamento che dia le maggiori percentuali di successo fin dal primo tentativo. Il transfer degli embrioni allo stadio di blastocisti garantisce una percentuale di gravidanza del 60-70% presso molte cliniche spagnole. Per questo motivo è importante scegliere un centro che garantisca sempre il transfer al 5º giorno di sviluppo embrionale.
  • I costi reali del trattamento. È importante che fin dal primo momento si abbia ben chiaro il costo che verrà sostenuto per il trattamento e le garanzie che ne suppone. Per avere le maggiori possibilità di gravidanza bisogna quindi calcolare : costi della donatrice esclusiva, trasferimento allo stadio di blastocisti, utilizzo di tecniche complementari come l’Embryoscope, possibilità di vetrificare embrioni per poter efettuare almeno  un nuovo tentativo con costi sostenibili.

 

Prima di scegliere il centro a cui affidarti per il trattamento di donazione di ovociti valuta bene, il tuo tempo, il tuo denaro, la tua tranquillità sono troppo importanti, non sminuire il loro valore.

Angela7919

arlotta.angela@gmail.com

Nessun Commento
Lascia un commento:

Share This